Articolo :

Gruppo IVA: valutazioni di convenienza

30 07 2018

L’avvicinarsi del termine per esercitare l’opzione per l’adesione al Gruppo IVA, attualmente stabilito nel 15 novembre 2018, ma con effetto già dal 1° gennaio 2019, impone un’analisi attenta degli aspetti dell’istituto che maggiormente si prestano ad orientare la scelta degli operatori. L’analisi della convenienza di optare per l’adozione del Gruppo IVA va fatta tenendo conto delle disposizioni che offrono vantaggi per le società aderenti, come la riduzione degli obblighi amministrativi e la minimizzazione degli oneri finanziari, nonché la facoltà, riconosciuta in sede di Decreto attuativo, di optare per la separazione delle attività in costanza di Gruppo. L’analisi deve proseguire con l’individuare le norme che possono rivelarsi penalizzanti per la singola realtà aziendale. Ci si riferisce: al principio “all in all out”, che può dimostrarsi eccessivamente rigido alla prova delle vicende soggettive del Gruppo; ai rapporti tra Gruppo e branch di una delle società aderenti ed alla rilevanza IVA delle prestazioni di servizio poste in essere tra loro, alla certificazione delle operazioni ed alla tenuta della contabilità di Gruppo; nonché al divieto di compensazione di un eventuale credito IVA, generato dal Gruppo, con poste a debito delle società aderenti.

 

Leggi l'articolo completo a cura Francesco Grandolfo, Paolo Lisi e Fabrizio Papotti  BDO Tax & Law S.r.l. Stp pubblicato su Corriere Tributario 31/2018