Articolo :

Il recepimento della Direttiva ATAD in materia di interessi passivi

06 02 2019

Il Decreto legislativo di recepimento della Direttiva "Atad" riscrive totalmente l’art. 96 del T.U.I.R., recante le regole di deducibilità degli interessi passivi. In particolare, è stato modificato l’ambito oggettivo e (parzialmente) l’ambito soggettivo di applicazione della normativa, è stata prevista la riportabilità in avanti, senza limiti di tempo, delle eccedenze di interessi attivi ed è stata modificata la misurazione del ROL, che da "contabile" diventa "fiscale", con limitazioni al riporto agli anni successivi.

 

Premessa 

Il Decreto legislativo di cui si discute, approvato dal governo in via definitiva il 28 novembre 2018 (1), contiene le norme volte a dare attuazione alla Direttiva UE 2016/1164 (c.d. ATAD1) così come modificata e integrata dalla Direttiva UE 2017/952 (c.d. ATAD 2) - nata dall’esigenza di stabilire linee guida contro la pianificazione fiscale aggressiva e favorire l’emanazione, da parte degli Stati membri, di "provvedimenti per scoraggiare le pratiche di elusione fiscale e garantire un’equa ed efficace imposizione nell’Unione in modo sufficientemente coerente e coordinato" [...]

 

Leggi l'articolo completo a cura di Alessandra Serena, Partner BDO Tax & Law e Sophia Pavanetto Manager BDO Tax & Law pubblicato su Bilancio e Reddito d'impresa 02/19