This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies. Please read our PRIVACY POLICY for more information on the cookies we use and how to delete or block them.
  • A site by BDO_IT
  • DIRETTE

DIRETTE

Il nuovo scenario internazionale determinato dall’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea comporta – a partire dal 1.1.2021 - importanti cambiamenti relativi al trattamento fiscale dei flussi di reddito scambiati tra soggetti residenti negli Stati Membri e UK.

A partire dal 1 gennaio 2021 non sarà più possibile beneficiare, nell’ambito delle transazioni tra il Regno Unito e i Paesi Membri UE, delle esenzioni di cui alle Direttive Comunitarie «Madre Figlia» (2011/96/UE), «Interessi & Royalties» (2003/49/CE) e «Fusioni» (2009/133/CE), «ATAD» (2016/1164), rendendosi applicabili le disposizioni di cui ai trattati internazionali contro le doppie imposizioni.

Tuttavia, a seguito della sottoscrizione a dicembre 2020 dell’Accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione, continua lo scambio di informazioni in virtù dell’adesione del Regno Unito alla Convenzione Multilaterale per la mutua assistenza ai fini fiscali dell’OCSE e del CRS MCAA. Analogamente, continua lo scambio automatico dei country by country report, sempre in virtù dell’adesione del Regno Unito all’accordo sovranazionale

In particolare, secondo l’art. 5.1 dell’Accordo Commerciale del 24.12.2020 (Parte Seconda, Rubrica Prima, Titolo XI), le parti:

  • riconoscono i principi della buona governance in campo fiscale, in special modo in materia di trasparenza, scambio di informazioni e fair competition, e si impegnano ad attuarli;
  • ribadiscono il sostegno al piano d'azione dell'OCSE sull'erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili (BEPS) e affermano l'impegno ad attuare le norme minime dell'OCSE di contrasto dell'erosione della base imponibile e del trasferimento degli utili.
  • continueranno ad impegnarsi per il contrasto all’evasione e la riscossione delle imposte.

Ancora, per effetto delle disposizioni contenute nell’Art. 5.2, Parte II, Titolo XI, Capo V, dell’Accordo Commerciale stipulato tra UE e Regno Unito saranno garantiti gli scambi di informazioni relativi a:

  • conti finanziari, ruling fiscali transfrontalieri e potenziali meccanismi transfrontalieri di pianificazione fiscale;
  • norme in materia di limiti sugli interessi, controllo di società estere e disallineamenti da ibridi;
  • rendicontazione pubblica paese per paese da parte degli enti creditizi e delle imprese di investimento.

Infine, sebbene la Direttiva «DAC6» dal 1 gennaio 2021, non risulti più applicabile in relazione al Regno Unito, con l’Amendment of the International Tax Enforcement (Disclosable Arrangements) Regulations 2020 del 30.12.2020, il Regno Unito ha limitato gli obblighi derivanti dalla Direttiva DAC 6 alle sole operazioni che rientrano negli Hallmark D.

 


 

COMPILARE IL FORM SOTTOSTANTE PER RICHIEDERE INFORMAZIONI A FRANCESCA PANNELLA