This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies. Please read our PRIVACY POLICY for more information on the cookies we use and how to delete or block them.
Articolo :

Ridefinire il Transfer Pricing: Reagire | Resilienza | Realizzare

19 05 2020

In uno degli articoli presenti nella rubrica d’approfondimento “BDO’s Transfer Pricing Insights”, Laurie Dicker, Transfer Pricing Technical Leader di BDO Stati Uniti, esamina l’influenza che l’emergenza Covid-19 ha avuto sul business globale ed in particolare sul transfer pricing (di seguito anche “prezzi di trasferimento”). 
Leggi l'articolo originale: Rethink - Transfer Pricing | React | Resilience | Realise

 


Le attuali condizioni economiche e le conseguenti politiche hanno inciso sulla ridefinizione delle politiche esistenti di transfer pricing, ritenute obsolete, e sulla gestione e riprogrammazione degli accordi sui prezzi di trasferimento. Tale emergenza ha determinato un blackout economico a livello mondiale, causando degli shock sia della domanda che dell’offerta. Molte aziende, pertanto, hanno dovuto modificare le proprie strategie commerciali per reagire all’attuale situazione economica.

In questo momento di grande incertezza, il transfer pricing svolge un ruolo determinante per le aziende operanti in ambito internazionale, in quanto può essere uno strumento utile per implementare diverse strategie di cash management. Sul punto, però, i requisiti di transfer pricing pongono dei limiti all’utilizzo di tali strategie. Pertanto, è essenziale trovare un giusto equilibrio tra il transfer pricing e le strategie di cash management.

Il periodo successivo alla crisi deve essere analizzato al fine di consentire alle imprese di acquisire una determinata resilienza ed avviare la ripresa delle attività economiche per un rapido ritorno alla normalità.

In tale contesto sembra necessario trattare il tema delle “condizioni di mercato”. Quest’ultimo deve essere interpretato alla luce della nuova realtà economica, nella quale risulta complesso conciliare le anomalie della crisi pandemica con le strategie a lungo termine di transfer pricing. Difatti, occorrerà stabilire sia come riadattare i prezzi di trasferimento quando le aziende inizieranno nuovamente a realizzare i profitti, rideterminando le modalità di ripartizione degli utili e delle perdite, e sia come gestire al meglio i problemi connessi, a titolo esemplificativo, alle royalty.

Il transfer pricing, inoltre, è influenzato costantemente da molti altri fattori, quali ad esempio: la creazione da parte dell’OCSE di un nuovo paradigma fiscale internazionale per le imprese digitali; le diverse pronunce dei Tribunali di tutto il mondo sui casi di transfer pricing; le diverse scelte legislative degli Stati, come, ad esempio, gli Stati Uniti che hanno di recente pubblicato le nuove linee guida sulle best practices in materia di documentazione di transfer pricing.

Pertanto, a questo punto, sembra necessario un intervento nel breve periodo da parte dell’OCSE finalizzato a dare delle indicazioni concrete su quali siano le eventuali strade da percorrere quando si presenteranno casistiche distorsive derivanti dalla crisi economica causata dalla pandemia da Covid-19.