BDO insieme a CrowdFundMe per far crescere le società italiane

24 05 2019

 

CrowdFundMe S.p.A. (CFM), il primo portale di equity crowdfunding quotato su AIM Italia, ha avviato oggi una partnership con BDO. Grazie alla collaborazione con BDO, un numero sempre maggiore di startup e PMI italiane potrà quindi accedere alla piattaforma CrowdFundMe e avviare nuove campagne di raccolta.

«Grazie alla partnership tra BDO e CrowdFundMe, le migliori società del panorama italiano avranno la possibilità di trovare capitali per proseguire i rispettivi percorsi di sviluppodichiara Tommaso Baldissera Pacchetti, AD del portale di equity crowdfundingSi tratta di un passaggio fondamentale anche per le imprese che puntano successivamente a sbarcare in Borsa».

CFM continua così nella mission di integrare il mondo fintech alla finanza classica con un player di rilievo internazionale. BDO, in particolare, con la sua consolidata leadership sul mercato AIM nazionale, accompagna anche le imprese meno strutturate lungo tutto il percorso di sviluppo e accesso al mercato.  «Le risorse raccolte con l’IPO sono state fondamentali per creare una sinergia tra innovazione e tradizione. Portare avanti questa strategia è diventato prioritario per la crescita di CrowdFundMe», sottolinea l’AD.

«BDO Italia è da sempre al fianco delle aziende per la creazione di un percorso di crescita condiviso. La partnership con CrowdFundMe rappresenta quindi un’ulteriore opportunità per mettere a disposizione delle startup e delle piccole e medie imprese la nostra profonda conoscenza del tessuto imprenditoriale italiano, attualmente tra i più rappresentativi in Europa», spiega Simone Del Bianco, Managing Partner di BDO in Italia.

 

CrowdFundMe è una delle principali piattaforme italiane di equity crowdfunding ed è il primo portale a essersi quotato nella storia di Piazza Affari. La società, oggi una PMI Innovativa con sede a Milano, è stata fondata nel 2013. L’anno di piena operatività sul mercato, tuttavia, è il 2016. CrowdFundMe offre la possibilità di investire in società non quotate come startup o piccole e medie imprese, accuratamente selezionate tra quelle che presentano il maggiore potenziale di crescita. Gli investitori, sia retail che istituzionali, hanno così l’occasione di diversificare il proprio portafoglio investendo in società non quotate. Uno dei molti casi di successo del portale è rappresentato dalla seconda campagna di Glass to Power, grazie alla quale sono stati raccolti 2,25 milioni di euro in 30 giorni. Il portale, insieme a Directa SIM, ha inoltre sviluppato il sistema della “rubricazione” che rende più liquido lo scambio di quote delle Srl. CrowdFundMe è sbarcata in Borsa sul mercato AIM a marzo 2019.