This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies. Please read our PRIVACY POLICY for more information on the cookies we use and how to delete or block them.
Pubblicazione tecnica:

Il nuovo bilancio dopo l'applicazione del D. LGS. 139/2015. Implicazioni teoriche ed evidenze empiriche

20 06 2018

Ricerca congiunta di BDO Italia con un team di ricercatori dell’Ateneo Cà Foscari di Venezia, coordinata dalla Prof.ssa Michela Cordazzo e da Stefano Bianchi, Partner di BDO Italia.

L’applicazione delle nuove regole in materia di bilancio può costituire un importante volano per la crescita delle aziende italiane e può aumentarne l’attrattività agli occhi dei potenziali investitori: è quanto emerge da una ricerca di BDO Italia in collaborazione con un team dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Il nuovo bilancio dopo l’applicazione del D.lgs. 139/2015. Implicazioni teoriche ed evidenze empiriche è, infatti, un’analisi sugli effetti in Italia del recepimento della nuova Direttiva contabile europea nel processo di armonizzazione contabile dell’Unione Europea, entrata in vigore per i bilanci relativi all’anno 2016.

Dalla ricerca emerge, a livello generale, un aumento del grado di trasparenza e informazione dato dal bilancio societario. Un esempio su tutti, il potenziamento dello strumento del rendiconto finanziario: presentato dal 66% delle medie imprese per l’anno 2015, è salito al 98% dei casi (+32%) per l’anno 2016 grazie all’introduzione dei nuovi principi contabili. Per le grandi imprese, la quota del 92% per il 2015 si è trasformata in un 100% di casi per l’anno successivo. Anche i fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura sono indicati sempre di più nei bilanci stessi: omessi dal 24% delle medie imprese e dal 12% delle grandi imprese per l’anno 2015, mancano solo rispettivamente nel 4% e 6% dei casi per l’anno 2016.

“Le nuove direttive in materia di bilancio e i nuovi OIC stanno aumentando la quantità e la qualità delle informazioni che le nostre aziende forniscono ai loro stakeholder. Tutto questo si traduce in una maggiore trasparenza nei confronti dei potenziali investitori, nazionali e internazionali, che può di fatto aumentare la competitività e il potenziale di crescita delle nostre imprese di talento” ha commentato Stefano Bianchi, Partner di BDO Italia e coordinatore della ricerca insieme alla Prof.ssa Michela Cordazzo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

La ricerca si è concentrata sul bilancio di esercizio di un campione di 250 imprese, selezionate sulla base dei ricavi di vendita e delle prestazioni e totale attivo. Sono state escluse imprese dei settori assicurativo, bancario e finanziario. Al campione si sono aggiunte le 24 aziende quotate al mercato AIM – Italia a luglio 2017, escluse società appartenenti settori finanziario, assicurativo e bancario.

“Dalla nostra ricerca emergono altri elementi piuttosto interessanti in relazione alle nostre imprese. Per quanto riguarda il costo ammortizzato per la valutazione dei crediti, dei debiti e dei titoli immobilizzati, si tratta di un fattore ancora poco applicato e scelto solo dal 10% delle aziende del campione ha spiegato Stefano Bianchi. - Gli strumenti derivati, inoltre, pur facendo la loro comparsa nei bilanci 2016, sono ad oggi utilizzati solo dal 25,5% delle imprese italiane, nella maggioranza dei casi grandi imprese. La normativa appare quindi particolarmente innovativa e piena di nuove possibilità, ma le aziende nazionali dimostrano di dover ancora metabolizzare i nuovi principi contabili al fine di comprenderne appieno le potenzialità.”